icona rotonda
La Scuola Etno-Sistemico-Narrativa e Interculture International Foundation
Organizzano l' 8-9 Novembre un seminario dal titolo

"Curare traumi individuali e collettivi dalle guerre e nelle guerre"

Gli esseri umani sono stati immersi nell’esperienza della guerra da quando si è cominciata a registrare la storia. Da quando gli esseri umani sono stati immersi nell’esperienza della guerra, hanno sperimentato metodi e strumenti per curare i traumi causati dalle guerre.

Nel corso del seminario, in occasione dell’imminente uscita del suo nuovo libro: “Guarire la Guerra”, Natale Losi, Direttore della Scuola Etno-Sistemico-Narrativa di Roma, ne discuterà con Sandro Triulzi, Michele Losi, Cristo Arévalo Cuadra*

e con il pubblico. Le riflessioni saranno veicolate dalla presentazione di interventi clinici realizzati in contesti di guerra, filmati ed esperienze legate alla raccolta di memorie, testimonianze di lavori teatrali inseriti in training di cura di traumi di guerra.

Il seminario è rivolto a tutti coloro che sono interessati e impegnati a vario titolo nell’incontro fra culture, nella relazione d’aiuto con migranti e richiedenti asilo, e in particolare con persone che hanno vissuto traumi individuali e collettivi.

Il costo del seminario è di 50 euro, sono previste riduzioni per gli studenti e per chi ne facesse motivata richiesta. L’iscrizione è obbligatoria chiamando il 3317149736 o visitando il sito www.etnopsi.it e scrivendo una mail a info@etnopsi.it

Il seminario si terrà nel quartiere testaccio, sabato 8 novembre ore 10.00 nella sala convegni della città dell’altra economia (largo Dino Frisullo), domenica 9 novembre ore 9.00 nella sala concerti della scuola popolare di musica di Testaccio, ex Mattatoio di Roma (Piazza Orazio Giustiniani, 3).

*Interverranno Alessandro Triulzi, docente di Storia dell’Africa all’Università di Napoli “L’Orientale” e presidente dell’associazione Archivio Memorie Migranti, Michele Losi, direttore ScarlattineTeatro Campsirago Residenza e Cristo Arévalo Cuadra, psicoterapeuta relazionale didatta della Scuola Etno-Sistemico-Narrativa.

Abstract: gli esseri umani sono stati immersi nell’esperienza della guerra da quando si è cominciata a registrare la storia. Da quando gli esseri umani sono stati immersi nell’esperienza della guerra, hanno sperimentato metodi e strumenti per curare i traumi causati dalle guerre. L’attuale narrativa dominante assegna il monopolio della cura dei traumi alla psichiatria, nei suoi indirizzi di matrice occidentale. Il Diagnostic and Statistical Manual (DSM), usato negli Stati Uniti e nel mondo occidentale, riporta che il disturbo post traumatico da stress, il cosiddetto PTSD, si riferisce all’esperienza di un evento che va oltre la gamma dell’esperienza umana. Questa dichiarazione sembra però quantomeno ardua, poiché la guerra, come abbiamo visto, è un’esperienza storicamente e profondamente umana. Forse il DSM mostra un’idea dell’esperienza umana inadatta al compito di immaginare la guerra.

Per non perdere la ricchezza della riflessione sulla guerra, e sulla sua “guarigione”, nel corso del seminario rifletteremo su alcuni temi. In particolare evidenzieremo come le esperienze che le donne e gli uomini fanno nelle guerre, comportano una confusione di mondi, umano-non umano-sovrannaturale; un caos tra il mondo dei vivi e quello dei morti. La guerra, e altri temi dell'esistenza, come la malattia, la morte, la follia, riceve significato dai miti o per dirla in altri termini, i miti sono la normazione dell’irragionevole. Rifletteremo e mostreremo l’azione decisiva del mito sulle vicende umane, all’interno della società, della famiglia, dell’individuo. I racconti mitici non sono semplicemente storie degli dei, non parlano soltanto di loro ma anche di noi, non solo della loro mitologia ma anche della nostra psicologia. I personaggi dei miti ritraggono le caratteristiche della natura umana e la psicologia è mitologia in abiti contemporanei.

 

Per saperne di più...

 

Link utili

Per co-costruire in una logica di arcipelago proponiamo una serie di link ragionati dove potrete trovare eventi e materiali relativi a migrazione, sistemi complessi, narrazioni, terapie e altro:

Institut du Tout-Monde - è stato creato per iniziativa di Edouard Glissant e si propone di far progredire la conoscenza dei fenomeni e processi di creolizzazione, e di contribuire a diffondere la straordinaria diversità degli immaginari dei popoli, che esprimono tali immaginari attraverso la molteplicità delle lingue, la pluralità delle espressioni artistiche e l'inaspettato degli stili di vita.


Circolo Bateson - Organizza seminari, eventi, incontri di lettura per esplorare le intuizioni di G. Bateson. Il prossimo seminario nazionale si terrà il 12 e 13 giugno 2010 sul tema "Cultura: che cosa sta succedendo?"


network della Rivista del master di intercultura di Padova - Un sito e un network che hanno per scopo la promozione di contatti tra operatori, studenti e ricercatori, ma anche enti ed associazioni di ogni provenienza geografica e culturale nell’ambito delle pratiche interculturali. Il network punta a disintermediare il contatto tra operatori, sostenendo lo sviluppo di comunità di lavoro dedicate alla promozione del dibattito sui diritti umani, allo sviluppo di iniziative artistiche e culturali e alla sperimentazione sociale in ambito di Web 2.0.  Vuole altresì proporsi come luogo di incontro pluridisciplinare, in vista di redazione o partecipazione a bandi. 


logo_contextus Promossa nell'ambito del Fondo Europeo per i Rifugiati, l'iniziativa di informazione e formazione, rivolta ad operatori dei centri di accoglienza e del territorio intende rispondere alla necessità di creare sistemi e sinergie per qualificare le possibilità di presa in carico delle persone più vulnerabili che richiedono protezione internazionale.

L'associazione ETNA è un'interfaccia tra l'etnopsicologia e la psicologia analitica junghiana. Promuove ricerca e interventi per la riduzione e la prevenzione di condizioni patologiche legate alla condizione migrante. http://www.etnopsicologianalitica.com/S%C3%A9-Minari%20di%20Etnopsicologia-ETNA2013.pdf


Defence for Children International promuove e tutela i diritti delle bambine e  dei bambini per costruire con loro un mondo diverso, capace di considerare le conseguenze delle proprie azioni; analizza le ragioni e denuncia le responsabilità che conducono a negare i diritti dell’infanzia; realizza campagne di azione per modificare le cause e i fattori che determinano le violazioni.

Quel che resta del Mondo - Blog partecipato di Fabrice Olivier Dubosc su psiche, 'nuda vita' e questione migrante.

Shinui - Corso di counseling e mediazione interculturale a Bergamo

www.auditorium.com

a proposito di teatro segnaliamo anche le iniziativa della compagnia scarlattine teatro (www.scarlattineteatro.it)

www.azioninclementi.it

www.pagesperso-orange.fr

www.ethnopsychologie.net

www.libreriadelledonne.it

Leggi tutto
ascolto psico-sociale La Scuola Etno-Sistemico-Narrativa e Intercultural International Foundation hanno aperto uno spazio per le attività di ascolto psico-sociale presso la sede di Roma, via C. Balbo n° 4... Leggi tutto
Scuola Quadriennale

libri

PRESENTAZIONE

La Scuola Quadriennale di Psicoterapia ad Indirizzo Sistemico-Relazionale e Orientamento Etno-Sistemico-Narrativo è l'unica Scuola riconosciuta in Italia ad applicare questo orientamento.

SBOCCHI PROFESSIONALI

La Scuola fornisce una specializzazione sia per il lavoro psicoterapeutico con le famiglie, con gli individui ed i gruppi, attraverso il classico approccio sistemico-relazionale; sia per il lavoro etnopsichiatrico, particolarmente indicato nei contesti in cui le migrazioni e la creolizzazione della società richiedono nuovi strumenti di comprensione, tanto per il lavoro con i migranti, quanto per quello con gli "autoctoni".

Leggi tutto


Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.